Utenze Servizi P.A. Casa Alimentazione e Beni di consumo Viaggi e turismo Diritti Normativa
Home Chi siamo Attivitą Pubblicazioni Sostienici Lavora con noi Convenzioni Contattaci Comunicazione Consulenza on line Ufficio Stampa Area Riservata Download

 

Non Profit - Sostienici

 

 

 

 

 

Utenze

 

 

category_lampadine

 

Per le famiglie italiane, l’arrivo di una bolletta è quasi sempre motivo di preoccupazione. Oltre al costo delle utenze, che cresce ogni anno di più e rappresenta sempre più spesso una stangata per il bilancio familiare, ci si mettono anche le aziende con pratiche commerciali scorrette, servizi non richiesti, letture presunte sovrastimate, contatori elettronici difettosi, e via dicendo.

 

Telefono, Internet e tv

 

RAI: fa pagare la smart card di Tivù che il contratto prevede gratuita. La Rai fa pagare (21,60 euro) la smart card di Tivùsat, che il contratto di servizio prevede gratuita. Ingannati gli abbonati e Agcom

Continua. >>

 

TLC. Sentenza Tar Lazio su compagnie telefonia mobile

 

MOVIMENTO DIFESA DEL CITTADINO (MDC):

“Variazioni tariffarie devono essere messe nero su bianco”

 

“Una sentenza storica che se non verrà riformata dal probabile appello della Telecom metterà la parola fine agli aumenti delle tariffe senza comunicarlo ai clienti ovvero facendolo con presunti sms di cui non vi era alcuna certezza sia dell’invio che della lettura da parte del consumatore”.

Continua. >>

 

TV. CORTE UE SU RECUPERO CONTRIBUTI DECODER, MOVIMENTO DIFESA DEL CITTADINO (MDC):

ORA CHI PAGHERA’? CITTADINI O IMPRESE?

 

“Purtroppo, a distanza di sei anni, abbiamo avuto ragione sull’illegittimità dei cosiddetti contributi per il digitale terrestre. Nel 2004 denunciammo pubblicamente l’assurdità di regalare 120 euro ai costruttori di decoder che ne valevano la metà; altrettanto, facemmo nel 2005, anno in cui il contributo stranamente si ridusse a 70 euro, mentre da più parti si spacciavano tali aiuti di stato per contributi alle fasce deboli per superare il digital divide”.

Continua. >>

 

COMUNICATO STAMPA

L’utente che chiama per un reclamo ha il diritto di conoscere il codice identificativo dell’operatore di /call center/ e il numero della pratica che lo riguarda. Lo ha ribadito il Consiglio dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, riunitosi sotto la presidenza di Corrado Calabrò, che ha deliberato oggi una multa di complessivi 290mila euro a carico di Telecom Italia, Wind Telecomunicazioni, Fastweb, Tiscali Italia e Opitel-Tele2.

Il giro di vite deciso dall’Agcom arriva al termine di un’intensa attività di verifica sul comportamento delle compagnie telefoniche, avviata sulla base di numerose denunce inoltrate dagli utenti. Dagli accertamenti effettuati è infatti emerso che, in violazione della delibera 79/09/CONS, gli operatori coinvolti non hanno fornito in molti casi né il codice dell’operatore nel messaggio preregistrato previsto dalla normativa, né il codice della pratica di reclamo, anche dietro richiesta esplicita da parte dell’utente.

Continua >>

 

La tutela amministrativa dei consumatori dell'AGCM sulle pratiche commerciali scorrette ivi prevista

Partecipo la recente decisione dell'Adunanza Plenaria del Consiglio di stato (sentenza 11.05.2012 n°11) che avrà notevoli ripercussioni sui consumatori.

La decisione riduce infatti  il Codice del Consumo (e la tutela amministrativa dei consumatori dell'AGCM sulle pratiche commerciali scorrette ivi prevista) a norma secondaria, di mera cornice dell'Ordinamento,  applicabile eclusivamente in assenza  di una specifica regolamentazione del  CCE e delle Delibere AGCOM che diventa unico oggetto istituzionale in grado di irrogare  sanzioni agli operatori.

Continua > >

 

Luce e gas

 

Manovra. Movimento Difesa del Cittadino (MDC):

“Tremonti non trova i soldi per le università e crea una nuova tassa a carico degli utenti di energia elettrica”

Continua. >>

 

Delibera dell'Autorità Garante

In caso di reclamo telefonico gli operatori hanno l'obbligo di comunicare:

1) Il codice dell’operatore nel messaggio preregistrato previsto dalla normativa,

2) Il codice della pratica di reclamo.

La mancata comunicazione comporta ....

Continua >>

 

Contratti non richiesti dell'energia elettrica ed il gas:  la Delibera dell'AEEG garantisce davvero i consumatori?

Pur apprezzando lo sforzo dell'Autorità la Delibera 19 APRILE 2012 153/2012/R/COM non ci convince e potrebbe aggravare per certi aspetti del fenomeno.
Orbene passando quanto più sinteticamente possibile ai punti salienti del provvedimento:
Continua > >

 

Guide di ACEA Energia per la gestione delle utenze luce e gas.

Continua >>

 

ACEA Energia spa - Mercato Libero, condannata a stornare gli importi erroneamente richiesti

MDC: “Giusto riconoscimento di una pratica scorretta perpetuata da anni”

 

Il Giudice di pace di Roma, con la sentenza n. 4199/17, ha condannato ACEA Energia spa - Mercato Libero a ad emettere nota di credito in favore del consumatore pari al 40 % delle fatture contestate, provvedendo alla contestuale compensazione delle perite di dare e avere.

Il cliente aveva stipulato nel marzo 2013 con Acea Energia un contratto di somministrazione di energia elettrica, fascia monoraria e potenza di 15 kw/h; nel settembre 2013 chiedeva al call center il passaggio da mercato libero a maggior tutela, ma la convenuta non adempieva; nel febbraio 2014 riceveva una fattura di conguaglio per il periodo marzo - dicembre 2013 pari ad€ 3.908,55, ... continua >>

 

Acqua

 

 

 

Rifiuti

 

Per ottenere il rimborso dell’imposta sul valore aggiunto (IVA) applicata sulla tassa dei rifiuti i termini di prescrizione sono pari a dieci anni. A ricordarlo è l’Associazione Altroconsumo, nel mettere in evidenza, quindi, come entro quest’anno si può richiedere il rimborso dell’IVA per le cartelle della Tarsu dal 1999 in poi; dal 2010 si può chiedere il rimborso sulle cartelle dal 2000 in poi e così via.

Continua. >>

 

Energie rinnovabili

 

Energie rinnovabili, Movimento Difesa del Cittadino (MDC)

contesta il Piano del Governo

Il Movimento Difesa del Cittadino (MDC) ha depositato al Ministero dello Sviluppo Economico le proprie osservazioni sul Piano nazionale di Azione Per le Energie Rinnovabili (P.A.N.P.E.R.). L’Italia ha assunto l’obiettivo, da raggiungere entro l’anno 2020, di coprire con energia da fonti rinnovabili il 17% dei consumi finali lordi.

Per Francesco Luongo, responsabile Energia del Movimento Difesa del Cittadino, “il documento va necessariamente integrato perché così com’è ignora completamente le reali necessità dei consumatori avendo un approccio meramente quantitativo”.

Continua. >>

 

Energia

 

ENERGIA, TARIFFA BIORARIA. MOVIMENTO DIFESA DEL CITTADINO (MDC): “Grande opportunità per gli utenti e per il sistema Paese”

 

Continua. >>

 

 

 

MDC-Roma Ovest
Powered by Conduit Mobile

 

 

 

 

 

© 2017 MDC – Roma Ovest. Tutti i diritti riservati.

Informativa sulla Privacy

Camillo Bernardini - Dalila Loiacono