Utenze Servizi P.A. Casa Alimentazione e Beni di consumo Viaggi e turismo Diritti Normativa
Home Chi siamo Attivitą Pubblicazioni Sostienici Lavora con noi Convenzioni Contattaci Comunicazione Consulenza on line Ufficio Stampa Area Riservata Download

 

 

 

 

 

 

Equitalia 1

COMUNICATO STAMPA del 14/05/2010

 

Multe a Roma: Equitalia e il Comune di Roma cercano di fare cassa chiedendo a migliaia di romani di aderire in tre giorni

agli “sconti” delle sanzioni

 

Migliaia di lettere arrivate il 13 maggio con obbligo di pagare il 15 maggio!

MDC: ”Non pagate! Le multe sono nulle per prescrizione dei termini”.

 

Il Comune di Roma, comunque, proroghi al 30 giugno

la possibilità di usufruire dell’agevolazione.

 

 

“Il Comune di Roma è alla canna del gas e cerca di fare cassa prendendo per il collo i cittadini! – afferma Antonio Longo, presidente del Movimento Difesa del Cittadino, di fronte alle proteste che sono arrivate alla sede nazionale e romana dell’associazione da centinaia di cittadini infuriati per quello che hanno trovato ieri nelle buche delle lettere.

 

Si tratta degli “inviti” di Equitalia a pagare le multe elevate entro il 31 dicembre 2004. Le lettere sono state scritte il 10 maggio e spedite il giorno dopo, arrivano nella case dei romani il 13 e il pagamento deve essere effettuato entro il 15: questa la paradossale situazione in cui si trovano migliaia di cittadini che hanno trovato nella buca delle lettere un “invito” di Equitalia ad aderire all’iniziativa del Comune di Roma di riduzione delle sanzioni amministrative per i debiti per le multe comminate entro il 2004.

 

Queste presunta agevolazione è stata prevista dal DL 78/2009 (art. 15, c.8), che prevedeva però anche il termine entro il quale l’agente per la riscossione doveva comunicare al debitore la possibilità di usufruire dell’agevolazione stessa. Poiché il D. Legge è stato convertito in legge il 3 agosto 2009, il Comune di Roma ed Equitalia hanno avuto ben 9 mesi di tempo per avvertire i cittadini.

 

Equitalia, interpellata da MDC, sostiene di averlo fatto ma con posta ordinaria, senza alcuna tracciabilità, affidandosi a Poste e a TNT. Sta di fatto che per migliaia di cittadini non resta che affrettarsi a recarsi presso gli sportelli Gerit, normalmente già intasati, entro oggi o lunedì, perché cadendo di sabato il 15 ed essendo giorno di chiusura, il termine è stato spostato a lunedì 17.

 

Ma secondo il Movimento Difesa del Cittadino le multe potrebbero essere nulle per  prescrizione, essendo trascorsi oltre 5 anni dalle notifiche. MDC chiede al Comune di Roma di prorogare al 30 giugno la possibilità di usufruire dell’agevolazione, anzitutto per permettere ai cittadini di verificare con calma la loro situazione di possibili debitori o di non esserlo per prescrizione, e anche per evitare file allucinanti agli sportelli Equitalia, già normalmente di ore nei giorni di pagamenti ordinari.

 

Per la verifica delle situazioni delle loro multe MDC Lazio mette a disposizione gli sportelli di Roma Ovest, al numero 06.88642693 (giovedì e venerdì 9,00-13,00 15,00-19,00).

 

 

RASSEGNA STAMPA

 

E-Polis - 15.05.2010

Il Corriere della Sera - 16.05.2010

 

 

 

14-05-2010

ROMA/MULTE: MDC, EQUITALIA E COMUNE CERCANO DI 'FARE CASSA'

 

(ASCA) - Roma, 14 mag - ''Il Comune di Roma e' alla canna del gas e cerca di fare cassa prendendo per il collo i cittadini!''. E' quanto afferma Antonio Longo, presidente del Movimento Difesa del Cittadino, di fronte alle proteste che sono arrivate alla sede nazionale e romana dell'associazione da centinaia di cittadini infuriati per quello che hanno trovato ieri nelle buche delle lettere.

Si tratta degli ''inviti'' di Equitalia a pagare le multe elevate entro il 31 dicembre 2004. Le lettere sono state scritte il 10 maggio e spedite il giorno dopo, arrivano nella case dei romani il 13 e il pagamento deve essere effettuato entro il 15: questa la paradossale situazione in cui si trovano migliaia di cittadini che hanno trovato nella buca delle lettere un ''invito'' di Equitalia ad aderire all'iniziativa del Comune di Roma di riduzione delle sanzioni amministrative per i debiti per le multe comminate entro il 2004.

Queste presunta agevolazione e' stata prevista dal DL 78/2009 (art. 15, c.8), che prevedeva pero' anche il termine entro il quale l'agente per la riscossione doveva comunicare al debitore la possibilita' di usufruire dell'agevolazione stessa. Poiche' il D. Legge e' stato convertito in legge il 3 agosto 2009, il Comune di Roma ed Equitalia hanno avuto ben 9 mesi di tempo per avvertire i cittadini.

Equitalia, interpellata da MDC, sostiene di averlo fatto ma con posta ordinaria, senza alcuna tracciabilita', affidandosi a Poste e a TNT. Sta di fatto che per migliaia di cittadini non resta che affrettarsi a recarsi presso gli sportelli Gerit, normalmente gia' intasati, entro oggi o lunedi', perche' cadendo di sabato il 15 ed essendo giorno di chiusura, il termine e' stato spostato a lunedi' 17.

Ma secondo il Movimento Difesa del Cittadino le multe potrebbero essere nulle per prescrizione, essendo trascorsi oltre 5 anni dalle notifiche. MDC chiede al Comune di Roma di prorogare al 30 giugno la possibilita' di usufruire dell'agevolazione, anzitutto per permettere ai cittadini di verificare con calma la loro situazione di possibili debitori o di non esserlo per prescrizione, e anche per evitare file allucinanti agli sportelli Equitalia, gia' normalmente di ore nei giorni di pagamenti ordinari.

LE RISPOSTE DELLA P.A.

 

OMR0000 4 ECO TXT Omniroma-CONCORDATO MULTE, LEO: DEBITO TRIPLICATO PER CHI NON PAGA ENTRO LUNEDÌ (OMNIROMA) Roma, 14 mag - Si troveranno un debito più o meno triplicato i cittadini con vecchie multe mai pagate che non aderiranno entro lunedì 17 maggio al «concordato» per le infrazioni al Codice della Strada accertate fino al 31 dicembre 2004. Lunedì scadrà infatti il termine per il pagamento agevolato delle sanzioni iscritte a ruolo, con uno sconto che, in media, oscilla intorno a 2/3 del debito originario. E si tratta in ogni caso di multe non prescritte, cioè di posizioni vagliate con la massima attenzione sia dal Comune, sia da Equitalia-Gerit. Così una nota del Campidoglio. 

Il decorso del termine provocherà ogni decadenza dal beneficio, con il conseguente diritto dell'Agente per la riscossione di riprendere le azioni esecutive per il recupero dell'intera somma dovuta. «Questo significa che coloro che non aderiranno al concordato pagheranno come minimo il triplo del debito oggetto di agevolazione - spiega l'assessore al Bilancio e allo Sviluppo economico, Maurizio Leo - oltre alle eventuali maggiorazioni nel frattempo maturate per effetto del tempo intercorrente tra la scadenza del concordato e il momento in cui saranno perfezionate le procedure esecutive». «Torno a ripetere - puntualizza Leo - che la definizione agevolata è un'opportunità che il Comune ha deciso di offrire ai cittadini, per metterli in condizione di regolarizzare vecchie posizioni debitorie. Non è il Comune a trarre il massimo vantaggio dal concordato, bensì sono i cittadini che lo utilizzano». I ritardatari eventualmente interessati a verificare la propria posizione possono farlo direttamente on line attraverso la 'home pagè del Portale del Comune di Roma (www.comune.roma.it) cliccando sul banner 'concordato multè e digitando il proprio codice fiscale nello spazio appositamente dedicato per vedere se si è destinatari della comunicazione, ovvero rivolgersi agli sportelli di Equitalia Gerit e a quelli attivati dall'Amministrazione per ottenere copia della lettera e del bollettino MAV per il pagamento presso uffici postali e istituti di credito. Gli sportelli per il contribuente dedicati a questo servizio e ancora consultabili entro il termine di chiusura del concordato sono i seguenti: Centro (Monteverde)-Municipio XVI, Via Fabiola 14 (orario: Lunedì 8.30-12.00); Sud-Est (Prenestino-Togliatti)-Municipio VII, Via Prenestina 510, (Lunedì 8.30-12-30) e Litorale Ostia-Municipio XIII, Via Claudio 1 (Lunedì 9.00-12.00). red 141617 mag 10

 

OMR0000 4 POL TXT Omniroma-MULTE, VALERIANI (PD): CONCORDATO PISTOLA A TEMPIA PER CITTADINI (OMNIROMA) Roma, 14 mag - «La denuncia del Movimento Difesa del Cittadino in merito alla richiesta di Equitalia di pagare le multe arretrate in soli due giorni è da prendere in considerazione con la massima attenzione e serietà. La decisione del Comune di Roma di riduzione delle sanzioni amministrative per i debiti per le multe comminate entro il 2004 sta quindi diventando una pistola alla tempia per quei cittadini che non hanno nemmeno il tempo di aprire la busta recapitata da Equitalia che già i termini di pagamento sono scaduti. Presenterò, per questo, un'interrogazione in consiglio comunale per fare chiarezza su questa denuncia». È quanto dichiara in una nota Massimiliano Valeriani, consigliere del Pd al Comune di Roma. 

«Il Campidoglio - aggiunge Valeriani - usa le multe per lanciare un ultimatum ai cittadini: si può pagare in due giorni, senza lasciare la possibilità di capire se la propria posizione è diversa o di poter usufruire di agevolazioni. Un Comune di Roma azzeccagarbugli, dunque, che, anziché tutelare la legalità e il rispetto delle regole garantendo i cittadini, preferisce solo mettere loro le mani nelle tasche». red 141649 mag 10

 

COMUNICATO STAMPA del 14/05/2010

 

MULTE A ROMA.

Movimento Difesa del Cittadino (MDC): “L’Assessore Leo ha perso la testa e ricatta i cittadini”

 

 

"L'assessore Leo ha perso la testa e ricatta i cittadini: "Paga subito o altrimenti pagherai di più!". L'assessore forse non sa che i giudici di pace hanno cataste di ricorsi per multe prescritte o già pagate e, invece, richieste nuovamente da Equitalia”. A dichiararlo è il Movimento Difesa del Cittadino (MDC) in risposta alle affermazioni odierne dell’Assessore al Bilancio e allo Sviluppo economico, Maurizio Leo.

“Quanto al "consiglio" – continua MDC - di verificare sul sito del Comune, l'assessore non ha capito che non si tratta di chiedere copia della lettera o del bollettino di pagamento, ma di poter verificare se si è tenuti o no al pagamento. E per questo ci vuole tempo, bisogna richiedere tutta la documentazione delle notifiche fatte o meno. Inoltre, l'assessore evidentemente non è mai stato negli uffici comunali e di Equitalia, non conosce le ore di attesa che i cittadini sono costretti a fare e quindi in ogni caso potrebbero farlo entro lunedì solo qualche centinaio di persone e non le migliaia e migliaia che hanno ricevuto già la lettera di invito al pagamento. Il mancato rinvio della scadenza richiesto dal Movimento Difesa del Cittadino è un atto di saccente arroganza".

 

 

 

 

 

 

MDC-Roma Ovest
Powered by Conduit Mobile

 

 

 

© 2017 MDC – Roma Ovest. Tutti i diritti riservati.

Informativa sulla Privacy